Il rapporto “Ecomafia” di Legambiente





Il bilancio complessivo dei reati contro l’ambiente cala dagli oltre 30mila registrati nel 2017 ai 28.137 illeciti del 2018 – più di 3,2 ogni ora. Una diminuzione dovuta alla netta flessione degli incendi boschivi, pari a un -67% – un vero e proprio crollo dai 6.550 del 2017 ai 2.034 del 2018 – e, in parte, alla riduzione dei furti di beni culturali (-6,3%). A calare sono anche le persone denunciate – che passano dalle oltre 39mila del 2017 alle 35.104 del 2018 -, gli arrestati – 252 contro i 538 del 2017 – e i sequestri – 10mila contro gli 11.027 del 2017 – ma il giro d’affari dell’ecomafia – 368 clan attivi in tutta Italia – è di ben 16,6 miliardi di euro, 2,5 in più rispetto al 2017.

È nel ciclo illegale dei rifiuti che si registra un aumento degli illeciti, circa 8mila (quasi 22 al giorno), mentre nel cemento selvaggio, con un’impennata di +68%, si tocca quota 6.578, contro i 3.908 del 2017. Crescita che si spiega perchè per la prima volta rientrano nel conteggio del rapporto Ecomafia anche le infrazioni verbalizzate dal Comando carabinieri per la tutela del lavoro, in materia di sicurezza, abusivismo, caporalato nei cantieri e indebita percezione di erogazioni ai danni dello stato, guadagni ottenuti grazie a false attestazioni o missione di informazioni alla Pubblica Amministrazione.

Quasi 123 al giorno, per un totale di 44.795, le illegalità nel settore agroalimentare ai danni del Made in Italy, con un aumento rispetto al 2017, in cui se ne erano registrate 37mila. 1,4 miliardi il fatturato illegale calcolato considerando il valore dei prodotti sequestrati, con un aumento del 35,6% rispetto all’anno precedente. Crescono di poco anche i delitti contro animali e fauna selvatica con 7.291 reati – circa 20 al giorno – contro i 7mila del 2017. Fondamentale nella lotta ai criminali ambientali, per Legambiente, è la legge 68/2015 sugli ecoreati, con più di mille contestazioni solo nello scorso anno e un trend in crescita costante (+129%).






Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 441 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.