Economia circolare, approvato il decreto “end of waste” per i pannolini





Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato l’atto per il riciclo dei prodotti assorbenti della persona: “Può decollare una tecnologia tutta italiana”. “L’unico impianto al mondo in provincia di Treviso era fermo perché mancava il decreto, adesso si può costruire un impianto ogni milione di abitante”, il commento di Stefano Ciafani, presidente di Legambiente.

“Un giorno importante e un passaggio epocale per l’economia circolare. Oggi ho firmato il decreto con cui può finalmente decollare un’industria tutta italiana che coniuga il riciclaggio e la conseguente riduzione del problema dello smaltimento dei rifiuti con la creazione di tantissimi posti di lavoro”. Sono le parole con cui il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha annunciato la firma del decreto end of waste per il riciclo dei Pap, prodotti assorbenti della persona come i pannolini, che permetterà di far sviluppare una tecnologia industriale italiana creando nuovi posti di lavoro. “Si potranno – ha continuato Costa – quindi recuperare e non mandare a incenerimento o discarica ben 900 mila tonnellate l’anno di rifiuti”.

I prossimi in ordine temporale che stanno arrivando a conclusione, dopo vari passaggi istituzionali, che comprendono anche la valutazione presso la Commissione Europea, sono i decreti end of waste per il recupero degli pneumatici, carta e cartone, plastiche miste e rifiuti da costruzione e demolizione.

“Questi sono i sì che ci piacciono. Questi sono i passi giusti per un futuro sostenibile e un’economia circolare che coniughi posti di lavoro e tutela ambientale dando piena realizzazione alla gerarchia dei rifiuti come fissata dall’Unione europea”, ha concluso il ministro che sulla propria pagina Facebook ha mostrato orgoglioso il foglio del decreto sul quale ha apposto la sua firma.




Legambiente: “Ora si cotruisca un impianto ogni milione di abitanti”

“Dopo 4 anni di convegni, comunicati stampa, interviste, richieste, fiumi di parole e 3 governi, ce l’abbiamo fatta – ha commentato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – L’unico impianto al mondo realizzato da Fater in un sito della società Contarina a Spresiano (Tv), fermo perché mancava questa benedetto decreto, può finalmente ripartire. Ora si potrà costruire un impianto ogni milione di abitanti, quindi 60 in tutto il Paese. Bisogna farli presto”



Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 439 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.