Filtri della sigaretta, un male incurabile sulle nostre spiagge


Filtri della sigaretta, un male incurabile sulle nostre spiagge




L’ambiente può essere danneggiato in maniera molto seria dalla presenza di filtri della sigaretta sulla spiaggia questo perché le sigarette sono composte da diversi componenti  che per biodegradarsi impiegano anche fino a 5 anni. Del resto, secondo uno studio effettuato gli ultimi anni sembrerebbe che le cicche di sigarette sono quelle che riescono a soffocare il Mediterraneo uccidendo così l’ecosistema marino.

Filtri di sigaretta in spiaggia, multe salatissime

Negli ultimi anni, per cercare di far rispettare questo divieto e far applicare anche i criteri della raccolta differenziata sulla spiaggia, sono state decise delle forti multe soprattutto per gli sporcaccioni che lasciano i mozziconi di sigaretta sulla spiaggia. Sebbene per chi lascia le sigarette in spiaggia si arriva a pagare circa 300 euro di multa, in realtà però è una pratica che viene ancora portata avanti con una cattiva abitudine.

Quando però si lascia un mozzicone di sigaretta sulla spiaggia si sta inquinando l’ambiente in modo inimmaginabile. Per questo motivo, bisogna cercare di mettere in campo una campagna di sensibilizzazione per risolvere la problematica e cercare di evitare il discorso mozziconi di sigaretta sulla spiaggia. La cosa migliore potrebbe essere quella di prevedere il divieto di fumo direttamente sulle spiagge.

Le norme sul codice ambientale per i mozziconi

Come già accennato è assolutamente vietato lasciare i mozziconi di sigaretta sulla spiaggia e si possono
ricevere multe fino a 300 euro. Però, quello che veramente dovrebbe far riflettere coloro che senza
pensarci troppo lasciano le cicche di sigaretta sulla spiaggia è il fatto che stanno danneggiando
l’ecosistema marino in maniera davvero grave. Un filtro delle sigarette per biodegradarsi può impiegare
fino a 5 anni e di conseguenza, è necessario cercare di eliminare questa cattiva abitudine che nel corso
degli anni sta uccidendo l’ecosistema marino in un modo irreparabile.




Si dovrebbe pensare che tutto quello che si getta sulle spiagge finisce in mare e di conseguenza nei
pesci e che per un cerchi che si chiude finisce sulle nostre tavole. Un ciclo innaturale che fa malissimo
alla salute di tutti gli essere viventi. Nel frattempo uno studio ha rilevato che i pesci di fondale come il
tonno ad esempio ha un residuo interno di microplastiche da record, un segnale che dovrebbe far
riflettere tutti noi.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.