Riserva Naturale del Litorale Romano, firmato il Protocollo d’Intesa: più controlli e sorveglianza


Riserva Naturale Incendi, triplicati i boschi in fiamme nel 2017 a causa della siccità




Potenziare la sorveglianza e il supporto all’interno della Riserva naturale statale del litorale romano. Con
questo obiettivo è stato siglato il Protocollo d’Intesa tra ministero dell’Ambiente, Roma Capitale, Arma
dei Carabinieri e Comune di Fiumicino. Un accordo di collaborazione interistituzionale, di durata
triennale, a tutela della biodiversità e del capitale naturale dell’area protetta, circa 15.900 ettari che
costituiscono un grande patrimonio archeologico, storico, ambientale e culturale.

Riserva naturale, Luca Galletti, Ministro dell’ambiente

Il nostro patrimonio naturale può contare sulla rete di parchi e aree protette più grande d’Europa, con oltre 800 zone protette. L’apporto dell’Arma dei carabinieri è fondamentale per tutelarlo, grazie anche alle funzioni che le sono state attribuite dal decreto legislativo del 2016. Oltre alla tutela è importante puntare sulla valorizzazione dei parchi per condividere con le comunità una visione dell’ambiente innovativa e allo stesso tempo positivamente ancorata alle radici territoriali. La difesa della natura, dunque, non deve essere più vista come vincolo all’attività economica, ma come motore di sviluppo sostenibile. Mi sembra che stiamo andando nella giusta direzione”.

Il sindaco di Roma Virginia Raggi

Oggi abbiamo firmato un Protocollo che punta a potenziare la sorveglianza e i controlli all’interno
della Riserva Naturale del Litorale Romano. Adottare strategie di collaborazione per superfici così
estese e complesse è fondamentale per assicurarne la conservazione, la salvaguardia e la
valorizzazione. La Riserva comprende anche la pineta di Castel Fusano che rappresenta uno
straordinario patrimonio di biodiversità e bellezza che noi vogliamo difendere e rilanciare. Con
questo importante accordo, di durata triennale, vogliamo giocare d’anticipo e mettere in campo
azioni preventive nella lotta agli incendi boschivi. Uniamo le forze per fronteggiare eventuali
emergenze e per creare un sistema di prevenzione.

Il generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri

Siamo convinti che dall’odierno accordo possano nascere sinergie utili ad assicurare un’adeguata
tutela del patrimonio rappresentato dalla Riserva Naturale del Litorale Romano a vantaggio di tutti
i cittadini, con l’obiettivo ulteriore di diffondere una crescente cultura della legalità ambientale.
L’Arma dei Carabinieri si impegna in questa importante operazione di salvaguardia mettendo in
campo l’alta specializzazione dei reparti del Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari,
che già operano nell’area per il rispetto dei vincoli paesaggistici e per il contrasto degli incendi
boschivi e di tutti gli illeciti in danno dell’ambiente, dall’abbandono dei rifiuti allo sgombero degli
insediamenti abusivi, dal bracconaggio alla tutela delle specie animali e vegetali protette.




Il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino

Questo protocollo è un atto molto importante. Dimostra il senso di collaborazione tra le istituzioni,
non solo tra noi e il Comune di Roma, ma anche col Ministero che sta prestando una forte
attenzione a uno dei luoghi più importanti in termini ambientali e delle risorse economiche. Il
protocollo con il Comando Generale dei Carabinieri è decisivo per la gestione stessa del territorio.
Un territorio esposto. Lo scorso anno siamo intervenuti centinaia e centinaia di volte, soprattutto
attorno all’aeroporto, ma anche nella zona della riserva naturale. Avere un lavoro di controllo dei
Carabinieri Forestali con la loro professionalità è decisivo per la prevenzione e per garantire che la
riserva si mantenga e si sviluppi.

Lavoro condiviso e sinergia tra le parti

In particolare, il lavoro condiviso e la sinergia fra le istituzioni consentirà di sviluppare una corretta
programmazione, pianificazione e prevenzione nella lotta agli incendi boschivi, incentivare le attività di
sorveglianza su tutta la Riserva, promuovere attività di educazione ambientale e le buone pratiche
gestionali, definire programmi integrati per il recupero ambientale delle aree boschive danneggiate dal
fuoco.

Il protocollo nasce dall’esigenza di dare impulso a una sempre più completa attuazione del decreto
legislativo del 2016 sulla “razionalizzazione delle funzioni di polizia e l’assorbimento del Corpo forestale
dello Stato”, che attribuisce all’Arma dei Carabinieri compiti di tutela ambientale e forestale tra cui la
“sorveglianza sui territori delle aree naturali statali riconosciute di importanza nazionale e internazionale”.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.