Contro la realizzazione del gasdotto in Salento il Codacons annuncia ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea





Contro la realizzazione del gasdotto in Salento il Codacons annuncia oggi ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea, e invita la Regione Puglia ad aderire all’azione legale in sede comunitaria.
“Dopo la decisione del Consiglio di Stato che ha giudicato legittimo l’iter autorizzativo del gasdotto Tap che approderà a San Foca in Salento, l’unica possibilità è ricorrere alla Corte Ue – spiega il presidente Carlo Rienzi – L’espianto di 231 ulivi rappresenta un danno enorme per l’ambiente e per il territorio salentino, e la decisione dei giudici italiani è stata basata più sulla forma e sulla legittimità dell’iter che non sulla sostanza del problema. Per tale motivo abbiamo deciso di promuovere ricorso in sede comunitaria, chiedendo di bloccare un progetto imposto dall’alto che distruggerà il territorio salentino arrecando danni all’ambiente e ai cittadini”.
Il Codacons invita inoltre il Governatore Michele Emiliano ad unirsi all’associazione in questa battaglia, aderendo al ricorso in sede Ue.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 443 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.