Giornata Mondiale dell’Acqua, Lago di Bracciano ecosistema da conservare


Giornata Mondiale dell’Acqua, Lago di Bracciano ecosistema da conservare




Il nostro pianeta visto dallo spazio è una “biglia blu” per via della predominanza dell’elemento acqua copre oltre i 2/3 della Terra. E’ il principale componente di ogni essere vivente, nell’uomo oltre il 70%. Ciò nonostante, l’acqua è una risorsa poco disponibile. Senza l’acqua il mondo non esisterebbe: utilizzarla in modo corretto è quindi il primo passo verso una gestione sostenibile di questa risorsa.

A tal fine sabato 24 marzo in occasione della giornata mondiale delle acque si terrà alle ore 9.00 il workshop “Lago di Bracciano: un ecosistema da conservare” all’Ecomuseo delle Acque ad Anguillara Sabazia.

Giornata Mondiale dell’Acqua, analisi conoscitiva

Organizzato dal Parco di Bracciano-Martignano, verrà presentata un’analisi conoscitiva degli aspetti ambientali e specificamente vi sarà un aggiornamento dei dati, degli studi e relative proposte di monitoraggio.

L’obiettivo condiviso con i Comuni del Lago e con il Consorzio Lago Bracciano, è quello di poter valutare le criticità per poter pianificare al meglio un nuovo modello di gestione del Lago, nonché un momento di partecipazione con le associazioni e i cittadini.




L’evento durerà l’intera giornata con interventi delle eccellenze italiane del mondo accademico afferenti le tematiche dell’acqua. Interverrà anche Vito Consoli della Direzione Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette della Regione Lazio.

Vogliamo che questo rappresenti per il territorio un momento di confronto. Una giornata di studio per avere dati aggiornati e direttamente la voce inoppugnabile degli specialisti del settore necessaria base di partenza per produrre proposte progettuali valide per affrontare una eventuale nuova emergenza idrica – dichiara il Presidente del Parco Lorenzetti.

Lago ancora sotto i livelli medi

Nonostante le piogge che hanno caratterizzato questo ultimo periodo il livello del Lago è ancora molto
al di sotto dei valori medi stagionali. La quota si attesta infatti intorno ai 158 cm rispetto allo zero
idrometrico, più di un metro sotto la media stagionale del periodo. Non si può intervenire sulla siccità
ma si possono rendere i nostri comportamenti sostenibili ed è pertanto fondamentale ora più che mai
che non vi sia più alcun prelievo dal Lago fino a che le risultanze dei monitoraggi, non evidenzieranno
una possibilità in tal senso.

Il nostro approccio è sempre stato basato non su opinioni ma su dati scientifici che continuano ad evidenziare un ecosistema fortemente alterato. Giornate come quella del Convegno vanno nella direzione di una proposta concreta per l’elaborazione di un nuovo modello della gestione del Lago.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.