Comuni Ricicloni 2016, Regione Lazio: la strada verso economia circolare e rifiuti free


Comuni Ricicloni 2016, Regione Lazio: la strada verso economia circolare e rifiuti free




“Oggi Legambiente ha premiato i Comuni Ricicloni che hanno rispettato l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata ma che hanno anche ridotto i rifiuti indifferenziati da smaltire a meno di 75 chilogrammi annui per abitante. Quest’anno la sfida si è fatta più difficile e a superare il traguardo di Rifiuti free nel Lazio sono stati 6 comuni, primo tra tutti Colle San Magno, in provincia di Frosinone, Aquino, Castelliri, Villa Santa Lucia, Sant’Ambrogio sul Garigliano e Castelnuovo di Porto. Ora che l’asticella del premio di Legambiente è stata alzata proprio per essere al passo con il futuro, l’impegno perché le buone pratiche efficaci e sostenibili in materia di rifiuti possano diffondersi così come le azioni di prevenzione da mettere in campo, gli incentivi economici e gli aspetti normativi da adottare per mettere in moto azioni virtuose, deve proseguire più forte di prima”, lo dichiara Cristiana Avenali, consigliera regionale e coordinatrice della Commissione Ambiente e Agricoltura del PD Lazio in occasione della premiazione dei Comuni Ricicloni 2016 di Legambiente, all’interno del Forum Rifiuti, organizzato da Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club in partenariato col Coou.

“Dobbiamo quindi guardare a quelle regioni che usano il meccanismo di premialità e penalità sulla percentuale di secco residuo avviato a smaltimento come modelli per un’economa circolare, sia in termini normativi, visto che a breve arriveranno anche i decreti attuativi del governo su questo, ma anche in termini di buone pratiche e di fondi europei da utilizzare in questa direzione – continua la consigliera Avenali – Grazie all’incremento della raccolta differenziata la Regione Lazio ha detto no all’apertura del gassificatore di Malagrotta e ha stabilito che non servono nuovi impianti di questo tipo sul proprio territorio. Continuando a spingere in questa direzione potremo arrivare a chiudere anche quelli più obsoleti.
Bisogna inoltre puntare sull’introduzione dell’eco tassa, che premi chi produce meno indifferenziata e penalizzi chi continua con una gestione per nulla virtuosa dei rifiuti. L’economia circolare è la strada per una gestione rifiuti free attenta a non consumare territorio, non inquinare e creare economia e posti di lavoro”.

Così in una nota Cristiana Avenali, consigliera regionale componente della Commissione Ambiente.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 428 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.