Smaltimento rifiuti ristrutturazione casa chi chiamare


Smaltimento rifiuti ristrutturazione casa chi chiamare




Quando si effettuano dei lavori di ristrutturazione edilizia nella propria casa con la demolizione di una parte esistente, ovviamente ci saranno dei calcinacci e quindi sarà obbligatorio cercare di agire nel rispetto dell’ambiente della normativa vigente per lo smaltimento rifiuti speciali. Infatti sarà d’obbligo provvedere allo smaltimento di rifiuti di scarti edilizi nella maniera corretta e seguendo le indicazioni previste dalla legge.

Si può procedere con lo smaltimento di rifiuti speciali e  lo smaltimento rifiuti ingombranti, seguendo quelli che sono i dettami previsti dalle normative regionali in materia chiamando delle ditte specializzate che vi daranno anche il certificato di avvenuto smaltimento che servirà in caso di controllo  ma che deve essere allegato alla pratica di ristrutturazione che rilascia il comune stesso.

Molti si chiedono chi chiamare in caso di ristrutturazione edilizia e della necessità di procedere con lo
smaltimento dei rifiuti. Poiché si tratta di rifiuti speciali bisognerà chiamare aziende specializzate che
hanno le autorizzazioni previste dalla legge per procedere con lo smaltimento degli ingombranti e di
rifiuti speciali.

Come procedere allo smaltimento di rifiuti speciali

Lo smaltimento di rifiuti speciali è necessario eseguirlo in modo consono con la gestione secondo
quelli che sono i criteri previsti dalla normativa vigente. Ogni tipo di lavoro di smaltimento ha un costo e
che dovrà essere affidato ad imprese specializzate per questo tipo di attività per riuscire a garantire il
meglio sotto l’aspetto burocratico. Quando parliamo di ristrutturazione parliamo di materiale edile che
deve essere smaltito in modo consono, troppo spesso infatti si vedono in strade poco battute e
secondarie discariche abusive con materiale di costruzione.




Lo smaltimento di calcinacci e rifiuti edili è regolato secondo precise normative e nello specifico il decreto legislativo 152 del 3 aprile 2006. Bisognerà perciò seguire le norme in materia ambientale per stabilire in che modo smaltire rifiuti provenienti da interventi edilizi. Va ricordato che la cura dell’ambiente passa anche dalla legalità, chiamare chi non è autorizzato a gestire rifiuti edili significa andare prima di tutto contro la legge e successivamente contro il pianeta e chi lo abiterà in futuro.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.