Riciclo creativo, copertoni delle auto per fare dei vasi


Riciclo creativo, copertoni delle auto per fare dei vasi




È possibile riciclare qualunque tipologia di oggetto in modo tale da cercare salvaguardare l’ambiente per un riciclo creativo che è anche molto di moda. Basta poco per riuscire a utilizzare delle vecchie gomme d’auto in modo nuovo e restituendogli una seconda opportunità di vita.

Le vecchie gomme d’auto possono essere trasformati in vasi pensili per le piante, ma anche in altalene fai da te per i bambini o addirittura in tavolini curiosi per un salotto. Riciclare pneumatici in modo creativo dà anche l’occasione di poter salvaguardare quello che è il nostro ambiente, in modo tale da cercare di evitare il lungo smaltimento che invece è previsto per i pneumatici. Mettere in campo la creatività con i pneumatici è molto importante e si può fare con un po’ di fantasia e soprattutto, con tanta buona volontà.

Alcune idee per il riutilizzo dei copertoni auto

Per riciclare in modo creativo pneumatici è possibile utilizzare un po’ di colore per trasformare i
pneumatici in una fioriera da giardino, in un tavolino, in un’altalena per i bambini oppure in un vaso
pensile. Addirittura, grazie al riciclo delle vecchie gomme auto sono stati realizzati in Italia negli ultimi
anni circa 700 campi di calcio. Il riuso è importante e si vede da come si è riusciti a realizzare, grazie a
pneumatici in disuso, le basi per strutture sportive.

Per realizzare questi particolari tipi di prodotti, basterà un po’ di creatività e soprattutto l’utilizzo del
colore che potrà dare un tocco nuovo a questi rifiuti speciali. Spesso, gli pneumatici vengono anche
utilizzati per creare delle altalene in maniera molto semplice grazie all’aiuto di alcune catene oppure per creare degli oggetti di arredo come fioriere oppure tavolini. Si tratterà di un modo davvero innovativo e soprattutto divertente da fare anche insieme ai più piccoli per riutilizzarli. Questo rientra in quella che è la salvaguardia del pianeta che sempre di più è vessato da rifiuti che spesso finiscono in mare inquinando l’ambiente di cui noi facciamo parte.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.