PM10, secondo giorno di superamento dei limiti a Roma


PM10, secondo giorno di superamento dei limiti a Roma

A Via Tiburtina, Largo Preneste e Cinecittà due giorni consecutivi di superamenti nelle centraline ARPA Lazio, dei valori massimi consentiti di PM10. La soglia massima consentita è di 50 ug/m3 (microgrammi di PM10 per metro cubo di aria) oltre la quale la comunità scientifica internazionale ha indicato che iniziano i rischi per la salute umana;
nella giornata di lunedì 20 e martedì 21 si sono superati questi valori in 3 delle 13 centraline dell’ente di monitoraggio regionale.

Le dichiarazioni di Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio

“Lo Smog sta saturando l’aria che respiriamo a Roma e gli indicatori parlano di peggioramenti nelle prossime
giornate, sbaglia il comune a non mettere in campo azioni incisive. – dichiara Roberto Scacchi presidente di
Legambiente Lazio- È ridicolo bloccare gli autoveicoli con vent’anni di età quando il parco automobilistico è
evidentemente ben più recente, le auto sono tutte inquinanti e per salvaguardare la nostra salute bisogna prevedere
azioni di ben altra concretezza, come lo stop ai veicoli diesel che evidentemente in città come Torino è possibile.

Sembra assurdo anche di dover aspettare altri giorni per vedere aumentata la portata del blocco, mentre ad azioni
più concrete di stop al traffico vanno affiancate forti azioni di rilancio del trasporto pubblico collettivo che invece,
purtroppo è sempre più scadente”.
Il comune di Roma ha infatti indicato che il blocco ai veicoli EURO2 attivo oggi e domani, sarà aumentato anche agli
EURO3 il prossimo venerdì se non ci saranno conseguenze positive.

“In questo modo si arriverà semplicemente in ritardo, e comunque con azioni deboli, mettendo a rischio la salute”.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*