Smaltimento amianto obbligatorio, ogni anno 6mila decessi


Smaltimento amianto obbligatorio, ogni anno 6mila decessi




Ancora  oggi migliaia di abitazioni, capannoni, stalle e molte strutture hanno copertura in amianto o eternit.
Tra le problematiche di questo materiale è che essendo fibroso, tende con il passare del tempo a sfaldarsi, ed è proprio per l’amianto friabile che ci sono state
e ci sono tutt’ora problematiche legate ad infezioni alle vie respiratorie, tumori alla laringe e ai polmoni.
Infatti la legge obbliga chi ha strutture costruite con questo materiale ad effettuare lo smaltimento amianto.
Le polveri dell’amianto abbandonato vengono rilasciate nell’aria e se respirate possono causare gravissime patologie tanto che nel 1992 questo materiale
è stato messo al bando e dichiarato in pratica fuorilegge.

Smaltimento amianto la legge cosa dice?

Per quanto riguarda la legge, nel 1992 l’Italia ha messo al bando l’amianto emanando la legge 257 nel marzo dello stesso anno.
Una normativa che dovrebbe regolare la normale bonifica dell’amianto normativa che ad oggi però crea ancora qualche problematica viste le migliaia
di costruzioni ancora presenti in tutte le città italiane.
Il problema è che anche dopo aver attestato la correlazione tra amianto e tumori purtroppo i vari decreti e gli atti regionali hanno fatto si che anche
strutture pubbliche attualmente hanno al suo interno parti coperte da amianto.
Nel 2016 è stato presentato un testo unico che ha raccolto tutto questo materiale proprio per il riordino di tutta la normativa sull’amianto abbandonato,
e sullo smantellamento delle strutture, ma anche sul suo corretto smaltimento amianto.

Un passo importante è stato fatto nel 2013 quando sono state approvate le sanzioni a chi non comunica e non rispetta la normativa sullo smaltimento amianto
e la comunicazione alla ASL della presenza di amianto nella proprietà.
Le sanzioni previste per la mancata comunicazione della presenza di amianto friabile vanno da 2000 euro fino ad un massimo di 5000 euro nel caso in cui
ci sia il censimento degli edifici.
La tempistica in caso di rilevamento amianto da parte dell’ufficio ambiente p di 30 giorni.
Nel caso di mancato smaltimento o del mancato trattamento incapsulante amianto invece prevede una sanzione che va da 500 a 3500 euro.

Lunedì 6 novembre la conferenza “Amianto: come fermare la strage”

 




Il prossimo lunedì 6 novembre ci sarà presso la Sala del Carrocccio a Piazza del Campidoglio a Roma, la conferenza promossa dall’ONA, l’osservatorio
nazionale amianto sul tema Amianto: come fermare la strage.
Un’emergenza reale che provoca ogni anno 100.000 decessi solo per i casi di mesotelioma, cancro polmonare e asbetosi.
In Italia attualmente ci sono circa 40 milioni di tonnellate di materiali contenete amianto cancerogeno e che hanno causato una vera e
propria epidemia.
L’Ona ha censito per il 2016 circa 6000 decessi a causa di amianto deteriorato con il picco che sarà raggiunto entro il 2025.
Inutile dire che l’unico metodo per fermare le patologie è il corretto smaltimento amianto legato alla bonifica amianto proprio per tutelare il cittadino.

All’incontro, moderato da Benedetta Rinaldi, giornalista e conduttrice di Uno Mattina, Ezio Bonanni, avvocato cassazionista e Presidente ONA,
Nicola Forte, commercialista e fiscalista e Luciano Mutti, titolare della cattedra di Oncologia Medica e Ricerca Oncologica dell’Università Salford di Manchester.



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 164 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.