Cambiamenti climatici, milioni di potenziali migranti nei prossimi anni





L’aumento di eventi estremi prodotti dai cambiamenti climatici in regioni povere è la causa di nuove potenziali migrazioni di massa di quelli che vengono chiamati “rifugiati climatici”. Il Prof. Filippo Giorgi dell’International Center for Theoretical Phisics di Trieste, nella relazione che presenterà domani 8 novembre all’Accademia dei Lincei nel convegno sui cambiamenti climatici, ricorda i 20 milioni di pakistani scappati dal nord del paese a causa delle alluvioni. Sono proprio le popolazioni più povere della Terra a subire i maggiori danni dai cambiamenti climatici che causano siccità, inondazioni, perdita di raccolti e di territorio coltivabile, costringendole a cercare rifugio e possibilità di sostentamento nei paesi con clima più favorevole.

Il riscaldamento globale, che causa i cambiamenti climatici, è stimato attorno ai 4 gradi entro la fine del secolo, una entità, nota il prof. Giorgi, pari al riscaldamento registrato sulla Terra negli ultimi 18.000 anni. Questa accelerazione dovuta principalmente alle attività umane produce molteplici rischi tra i quali: l’innalzamento fino ad un metro del livello dei mari, con inondazioni delle zone costiere e introduzione di acqua salina che degrada il terreno coltivabile; lo scioglimento dei ghiacciai , con impoverimento delle riserve idriche di acqua dolce; eventi estremi di carattere alluvionale  e lunghi periodi di siccità. In proposito il prof. Giorgi ricorda che “le condizioni di caldo estremo che nell’estate del 2003 in Europa portarono alla morte di più di 20.000 persone, potrebbero diventare la norma entro la fine del secolo negli scenari più preoccupanti. Questo aumento di eventi estremi, in particolare quelli più intensi e devastanti, è in corso in molte parti del mondo, e dovrebbe continuare in risposta ad un ulteriore aumento del riscaldamento, con conseguenze potenzialmente devastanti” anche nei paesi maggiormente evoluti.

Nel corso del convegno “Strategie di adattamento al cambiamento climatico”, organizzato dall’Accademia dei Lincei e coordinato dagli Accademici Lincei Carli e Visconti, saranno trattati molteplici aspetti dei cambiamenti del clima, tra cui: l’analisi dei costi e dei benefici delle strategie di adattamento, la qualità dell’aria, i modelli di allarme per il rischio alluvioni, gli effetti dei cambiamenti climatici sull’occupazione e sulla salute di alcune categorie di lavoratori. Saranno anche illustrati alcuni casi locali tipo gli effetti delle maree a Venezia, l’alluvione di Genova, lo studio del bacino del Tevere, gli eventi estremi in Italia, la gestione del rischio nel Veneto.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.